.

.

sabato 12 aprile 2014

Frivolezze

Buongiorno a tutte :)

Aggiorno così, tanto per, in realtà non ci sono grandi novità.
Va tutto bene :)

Riassumendo :


  • Ho preso 30 nell'esame più schifoso e colmo di statistica di tutto il corso di laurea.
  • La primavera mi mette particolarmente di buon umore e ho già fatto il primo bagno :D
  • Io e mia mamma siamo andate a prenotare un viaggio a Djerba per agosto (non ci andremo sole, bensì con il suo ragazzo e mio fratello).
  • Complice il bel tempo, io e mia mamma stiamo andando spesso a fare delle lunghe passeggiate con Luna... Mi fa piacere che mia mamma venga con me, mi sorprende positivamente :) oltretutto camminare senza guardare l'orologio per controllare tempo & calorie mi permette di godermi finalmente le camminate che faccio ^^ NO STRESSSSSS :D
  • Mangio frutta in quantità industriali *.* adoro la frutta in generale e sono super happy di poter finalmente mangiare fragole, melone ecc :D devo anche andare a comprarmi del gelato in vaschetta... Si avvicina l'estate e ciò si riflette anche nell'alimentazione! Non vedo l'ora di mangiare pesche e albicocche, waaa *.*
  • Ho praticamente smesso di bere coca zero (era ora!)
  • Ieri ho preso una nuova cyclette perché quella vecchia era ormai distrutta ahahah faceva un rumore allucinante xD
  • Lunedì andrò a fare un prelievo e degli esami per verificare la funzionalità renale e quella epatica :/ speriamo bene... Per quanto riguarda il prelievo so già che avrò gli ormoni sotto zero, per il resto non ci dovrebbero essere problemi! L'unica cosa che mi preoccupa è la funzionalità renale... Staremo a vedere!


mercoledì 26 marzo 2014

L'anoressia ed i rapporti sociali : le persone fondamentali nella mia vita

L'anoressia incide moltissimo sulla vita sociale di chi ne soffre.
Pian piano ti spinge ad isolarti, a chiuderti nel tuo mondo malato.
Non hai né tempo né voglia di uscire e relazionarti con gli altri.
Ogni istante della tua esistenza deve essere impiegato in modo produttivo.
Ogni secondo della giornata è dedicato al DCA.
Ti svegli ed il tuo primo pensiero è quello di pesarti.
Da quel momento in poi, tutta la giornata sarà tesa a far sì che, la mattina dopo, quel numero sia più basso.
Non puoi uscire e relazionarti con gli altri, il tempo va impiegato in modo migliore : facendo ore ed ore di attività fisica, facendo calcoli e così via.
Non hai nemmeno voglia di uscire e vedere altre persone.
Non ti interessa.
L'unico tu interesse è dimagrire.

A poco a poco resti sola, sola con i tuoi numeri, con le tue ossessioni.
La tua vita ruota intorno al DCA.
L'anoressia esaurisce la tua vita.
Non hai altro.

Arrivati a questo punto, l'idea di abbandonare la malattia ti sembra folle : senza di essa, ormai, non avresti più nulla... O così credi.

Allontanarsi dalla malattia significa, per forza di cose, lasciare un vuoto... Ma quel vuoto può essere riempito con cose migliori. Il tempo che veniva dedicato alle compulsioni legate alla malattia può essere impiegato per fare cose piacevoli e per stare in compagnia.

Ritornare ad avere una vita sociale è uno dei passi fondamentali nel processo di guarigione.
Il fatto di relazionarsi di nuovo con gli altri innesca una sorta di “effetto a catena”, che ti fa stare sempre meglio : più esci e ti diverti, meno pensi al cibo e ai problemi ad esso correlati.


Anche io, ovviamente, mi ero isolata durante il periodo più buio.
Una parte di me temeva che i miei amici non ci sarebbero più stati per me dato che li avevo ignorati e post-posti all'anoressia. 
Fortunatamente, mi sbagliavo.

Le persone che rendono la mia vita degna d'essere vissuta non sono molte, ma sono tutte uniche e speciali.

La prima persona della lista è sicuramente mio fratello Matteo
Sensibile e dolce, è l'unico della famiglia che mi ha sempre fatta sentire amata. Ha dovuto sopportare tanto dolore a causa della mia malattia, eppure non mi ha mai voltato le spalle.

Poi c'è Elisa.
Elisa era la mia compagna di banco alle superiori ed è una delle persone più intelligenti che io conosca. Relazionarmi con lei mi ha resa meno impulsiva e più razionale.
Con Elisa si può scherzare (quante risate ci siamo fatte tra i banchi di scuola!) ma anche fare discorsi seri.
Ha un'empatia grandissima, si sforza sempre di comprendermi, di mettersi nei miei panni e analizza sempre a fondo i miei problemi, cercando di dare una risposta concreta ai miei quesiti.
Ogni discorso con lei mi accresce come persona, mi arricchisce.
Sento che il nostro rapporto è costruttivo e la considero un'Amica con la a maiuscola.

Nella lista non può mancare Alice, il miglior antidepressivo del pianeta.
Alice è stata l'unica con cui non ho mai tagliato completamente i ponti, nemmeno nel periodo peggiore. Veniva a casa mia o addirittura a casa del mio ragazzo, sapendo che non ero fisicamente e/o psicologicamente in grado di uscire... Parlavamo -e parliamo tutt'ora- per ore al telefono. 
Riesce sempre a strapparmi un sorriso, anzi, riesce sempre a farmi ridere e a trasmettermi positività.

Oltre a mio fratello, ci sono altri uomini nella lista.

Primo fra tutti Sandro, il mio ex.
Mi è stato accanto durante tutta la malattia, l'ha vissuta con me, e ancora mi chiedo come ci sia riuscito. 
Gli devo tantissimo e so di poter sempre contare su di lui. E' una persona fondamentale nella mia vita, gli voglio un bene dell'anima e so che comprende benissimo la mia situazione in quanto conosce benissimo le dinamiche della mia famiglia ecc ecc

Se non fosse stato per Sandro e mio fratello, in tutta onestà, non credo che sarei ancora viva oggi.

Poi c'è Stefano, detto “Pitta”, il ragazzo che è venuto a Madrid con me e Alice questa estate. 
Come Alice, anche lui mi fa morire dal ridere con i suoi doppi sensi. 
Credo che se leggesse questo post rimarrebbe sorpreso nel vedere che l'ho menzionato ma, senza rendersene conto, ha fatto una cosa che non potrò mai dimenticare e che per me ha avuto un grande valore : l'ultima sera a Madrid, fuori dal locale in cui eravamo andati a ballare, si è complimentato con me per i miei “progressi alimentari”. 
Sembrerà una cazzata, ma mi ha fatto un gran piacere. 
Nessuno in casa mia ha mai apprezzato apertamente gli sforzi che ho fatto per arrivare fin qui e sentirmi dire da lui “non pensavo che avresti mangiato così bene, sono rimasto positivamente sorpreso dai tuoi progressi” mi ha riempito il cuore di gioia.

Last but not least, L.
L. è stato il mio primo amore e, si sa, il primo amore non si scorda mai.
Probabilmente senza neanche rendersene conto, ha rappresentato un appiglio per me nel periodo della separazione dei miei.
È stato una persona incisiva nella mia adolescenza, una persona fondamentale, essenziale... È L'AMORE DELLA MIA VITA.




Non lasciate che l'anoressia vi allontani dalle persone meravigliose che vi sono vicine, fate uno sforzo ed uscire dalla gabbia... 
Non ve ne pentirete!

mercoledì 12 marzo 2014

Foto pre-anoressia ai "pesi massimi" xD

video

Come promesso, ecco il post con le mie foto ai pesi massimi, ovvero quando prendevo la pillola (46kg) o facevo la cura ormonale più strong (periodo durante il quale ho raggiunto il mio massimo, i 49kg). 

Spiego un po' il tutto a chi non sa bene la mia storia...
Sono sempre stata magra di costituzione e, complice il fatto di non esser sviluppata, in prima superiore ero molto meno "donna" e molto più magra delle mie compagne. 
Tutti mi ripetevano che se non avessi raggiunto almeno i 40kg non mi sarebbe mai venuto il ciclo... Crescendo in altezza, ovviamente, ho raggiunto i 40 e mi sono stabilizzata sui 45kg, ma del ciclo neanche l'ombra.
A 15 anni ho avuto il ciclo una volta, per 3 giorni. E' stata l'unica volta che l'ho avuto "naturalmente".
Lo stesso anno, più tardi, visto che avevo tutti gli valori ormonali sballati -zero estrogeni e testosterone al limite, quindi abbastanza alto- e che il ciclo non si ripresentava, la ginecologa mi ha fatto prendere la pillola (per chi se lo stesse chiedendo, non ho l'ovaio policistico).

Quando ho iniziato a prendere la pillola, a 15 anni, ero alta 171 come adesso e pesavo 45kg.

Ho preso la pillola per più un anno e sono aumentata un po' di peso, salendo a 46kg. In pratica ero più "donna" e avevo un sacco di tette in più (cosa abbastanza logica, dato che in condizioni normali non avevo estrogeni).
Anche prendendo la pillola il ciclo era scarsissimo, tant'è che a casa stavo sempre senza assorbente, e mi durava solo 3 giorni.

A 16 anni ho avuto una crisi distonica e mi sono lussata le vertebre, così sono stata ricoverata all'ospedale per 1 settimana. Ho deciso di cogliere l'occasione per fare una pausa-pillola di un mese... Solo che, passato il mese, il ciclo non mi è venuto e così non l'ho ripresa. Ho aspettato 8 mesi (durante i quali ero ovviamente scesa a 44-45kg) e poi sono finalmente andata dalla ginecologa la quale mi ha fatto fare un prelievo. Questa volta testosterone era nella norma, ma gli estrogeni erano ancora sotto zero. Dopo avermi fatto una paternale sul peso (premetto che a quei tempi ero ancora "sana") e aver ribadito per l'ennesima volta che ho l'utero di una bambina di 8 anni, ha deciso di prescrivermi una cura ormonale più strong, dato che nonostante avessi preso la pillola per molto tempo la situazione non era migliorata.

Questa cura mi ha fatta gonfiare parecchio e sono arrivata al peso più alto che io abbia mai raggiunto : 49kg.
La cosa per me era INACCETTABILE e volevo smettere la cura in vista dell'estate, ma mia mamma si rifiutava di farmela smettere (a questo punto avevo 17 anni, quasi 18). 
Dato che non ero ingrassata perché avevo diminuito l'attività fisica e/o aumentato l'introito calorico, per dimagrire ho dovuto smettere di mangiare e iniziare a consumare tantissimo. Digiunavo quasi quotidianamente, al massimo mangiavo una albicocca al giorno. Il ciclo è sparito, nonostante stessi ancora prendendo ormoni, così la ginecologa, ritenendo inutile la cura, me l'ha fatta smettere. Una volta interrotta l'assunzione di ormoni, sono tornata a 45kg in pochissimo tempo... Ormai, però, ero fissata e quell'estate (quando ho aperto il blog) ho continuato a dimagrire fino ad arrivare al peso minimo di 32.8kg
Il resto lo sapete, è documentato nel blog.

Quindi... Le foto del video mi ritraggono in un range di peso che va dai 45-49kg xD
Buona visione ahahahaha



sabato 8 marzo 2014

Foto da piccola...


















Voglio mostrarvi un po' della vecchia me, prima dell'anoressia.
A breve farò un post con foto al mio peso massimo, prima di ammalarmi e più precisamente mentre prendevo ormoni... Così vedrete com'ero :)

giovedì 6 marzo 2014

Aggiornamento inutile :D

Che fine ho fatto?
Nessuna fine, sono ancora viva e vegeta, ero semplicemente sommersa dalla roba da studiare.

Come sto? 
A livello mentale, bene... Fisicamente non proprio.

L'anoressia si paga.
Non bastavano i problemi cardiaci e l'osteoporosi, ora ho problemi anche ai reni e ai denti. 

Fantastico.

Dovrò farmi limare quasi completamente gli incisivi superiori e mettere delle capsule : ho pianto come una deficiente quando mia mamma mi ha dato la terribile notizia. Insomma, io non sono mai stata bulimica, avrò vomitato sì e no 4 volte in croce anni fa, eppure ho i denti completamente rovinati. Masticare è una tortura, se mangio cose acide (arance, limoni ecc) per il resto del giorno posso mangiare solo cose molli. 

Odio l'anoressia con tutta me stessa, giuro solennemente che se mai dovessi essere sul punto di ripiombarci dentro pienamente farò DI TUTTO per evitarlo. 
Mi ha rovinato la vita per anni e ancora adesso non mi lascia in pace. 
Che schifo.

Per il resto tutto okay.
Oggi sono andata a pranzo al ristorante cinese con mia mamma e mio fratello :) 

Marzo è arrivato e per me significa PRIMO BAGNO :D attendo con ansia una bella giornata per fare il mio tradizionale bagno marzolino (l'anno scorso ho posticipato e quest'anno devo assolutamente riprendere la mia tradizione :P)

Tra poco sarò Pasqua e non vedo l'ora.

Il tempo vola, sono in vena di primavera... Speriamo arrivi presto!



Un bacione a tutte :*



giovedì 30 gennaio 2014

Parigi.



Sono tornata da Parigi.

Mi scuso per non aver risposto ai commenti post precedente, sappiate che li ho letti tutti e che leggo sempre i vostri blog anche se ultimamente, tra una cosa e l'altra, non sono riuscita a commentare.
Il viaggio è andato bene, tutto sommato. Ho parlato parecchio con mio padre e non sono mancati i momenti con il nodo alla gola e le lacrime pronte a scendere : abbiamo parlato della separazione dei miei, del rapporto tra me e mia madre e dei problemi che abbiamo avuto (io e lui) in passato. Inoltre, ho scoperto un sacco di cose sullo stupro subito da mia mamma. Overall, credo di poter affermare che le nostre chiacchierate siano risultate costruttive.








Il tempo era orribile, ha piovuto ogni giorno e faceva freddo. Il primo giorno sono stata rigida, con i muscoli contratti per i freddo, per talmente tante ore che la sera avevo le spalle a pezzi. La cosa assurda è che sono sempre mezza nuda sulle gambe e non ho mai freddo, mentre sulle braccia e sulle mani congelo. Mah.

Non ho avuto modo di scoprire prodotti light, però ho assaggiato cose buone NON-LIGHT ahahahaha
Inutile dire che i croissant erano buonissimi *.*
Nonostante ciò sono dimagrita di 1.3kg xD Non mi pesavo da mesi, ma sono dovuta salire sulla bilancia per pesare le valige così, una volta tornata, ho controllato per vedere quanto ero aumentata... E ho visto che ero dimagrita o.O










Per il resto non va molto bene.
Ho pianto appena tornata a casa perché ho subito litigato con mia mamma.
La situazione peggiora sempre di più e la notte non riesco a dormire a causa dei pensieri ansiogeni riguardanti la futura convivenza con il suo ragazzo.
Sto diventando come mio fratello : ho sempre il desiderio, il BISOGNO di stare lontana da casa... La situazione mi deprime e sono già stufa di essere tornata. Studiare è difficile, ho la testa altrove.
Vorrei andarmene di nuovo, stare lontana da casa... Ma non posso.
Sigh.




mercoledì 15 gennaio 2014

Paris?

Oggi è successa una cosa inaspettata.
Parlo raramente di mio padre perché io e lui non abbiamo rapporti.
Ci parliamo, ma non ci vediamo quasi mai.

Quando i miei si sono lasciati, lui non è andato subito via di casa. In quel periodo i miei litigavano mostruosamente e lui, frustrato, se la prendeva con me. In quel periodo mi ha picchiata, pedinata, trascinata da assistenti sociali... Insomma, ha reso la mia vita un inferno.
Poi, grazie al cielo, è andato a vivere da solo ed io non gli ho più rivolto la parola per circa due anni. Quando veniva a prendere mio fratello non lo salutavo nemmeno.

Credo che sia andato da uno psicologo (almeno così mi pare di aver capito) e, dopo un bel po', mi ha presa da parte per parlarmi e si è scusato con me.
L'ho apprezzato ed ho ricominciato a parlargli, ma non riesco a dimenticare ciò che mi ha fatto e non riesco a perdonarlo. Ora gli parlo, certo, ma ogni volta che cerca di riallacciare il rapporto gli sbatto la porta in faccia. 

La differenza tra i problemi con mia madre e quelli con lui sta nel fatto che, mentre non riesco a rassegnarmi all'idea di lasciare irrisolti quelli con mia madre, in quei due anni di silenzio io ho rimosso completamente la figura paterna dalla mia vita al punto da non sentirne davvero più la mancanza. Mi sento bene senza vederlo, anche se è brutto da dire... A volte mi pesa addirittura doverlo vedere, anche se capita rarissimamente.
Altre volte, però, ripenso alla mia infanzia, ai giochi che facevamo assieme, alle lunghe chiacchierate sul lettone, e mi manca un po'. Forse la verità è che mi manca ma, essendomi rassegnata all'idea di "non avere più un padre" in quei due anni, ho rimosso questo desiderio a livello cosciente... Forse, ormai, ne rimane solo una traccia relegata nel mio inconscio.

A Dicembre, in preda ad un momento nostalgico (maledetta atmosfera natalizia :P) gli avevo chiesto se gli andava di fare un viaggio assieme dato che è da quando ero alle medie -ovvero da quando i miei stavano ancora assieme- che non andavamo da qualche parte together. Mi sono vergognata come non mai nel chiederglielo, non so nemmeno come ci sia riuscita. 
Ha rifiutato, doveva lavorare.

Ieri mi ha chiamata per avvisarmi che la prossima settimana non lavorerà, proponendomi di fare un viaggio. 
Non ci potevo credere :D
Mi ha detto di cercare qualcosina e credo proprio che sceglierò Paris :3
Non vedo l'ora di partire, ho proprio bisogno di staccare!


Devo ammettere che l'idea di passare così tanti giorni con lui mi mette parecchia ansia : mi sento sempre a disagio in sua presenza, quasi come se fossimo estranei... Ma chissà, magari riusciremo a riallacciare finalmente i rapporti :)

domenica 29 dicembre 2013

Riassunto (estremamente sintetico) fotografico del mio 2013 :D

Gennaio 2013 - Budapest




Inizio 2013 




Estate 2013 





Zante - Estate 2013









Madrid - Estate 2013




Autunno-inverno 2013




















Resoconto 2013 & giorno di Natale [ NB : contiene foto che potrebbero essere triggering ]

Il 2014 è alle porte.
L'anno passato è stato un anno di cambiamenti positivi, è stato il primo anno con un bagliore di luce dopo un lungo periodo tetro e buoi.
Nonostante gli ultimi giorni non siano stati particolarmente belli, il resoconto complessivo non può che essere buono.
L'inizio del 2013 è stato difficoltoso : avevo ripreso a mangiare da poco e, passato il Natale 2012, avevo avuto l'idea malsana di rigettarmi nella restrizione più totale a partire dalle vacanze di Capodanno a Budapest... Alla fine però non ho ricominciato a restringere e anzi, a Budapest ho mangiato cose buonissime :) Il non aver gettato la spugna all'inizio, quando la parte malata era assai più forte, è stato uno sforzo ben ricompensato : ho passato un'estate stupenda, cosa incredibile visto che le ultime estati non me le ero godute affatto. 
Nel 2013 non ho solo ripreso a mangiare regolarmente, ma ho anche ricominciato ad uscire, ad avere una vita sociale, a divertirmi.
Spero che il 2014 possa essere un "prolungamento" di questa positività.

Come ho precedentemente accennato, ultimamente le cose non stanno andando molto bene.
Non mi riferisco al cibo, bensì a questioni famigliari.
La sera della vigilia io, mia mamma e mio fratello abbiamo fatto la nostra solita cenetta tradizionale.
La mattina di Natale si è scatenato il finimondo.
Tutto è cominciato perché avrei voluto che facessimo colazione tutti e tre assieme e loro hanno mangiato senza di me. Mi sono offesa e da qui, inspiegabilmente, è partito un litigio assurdo. Mia mamma ha iniziato ad ad attaccarmi e sono venute fuori mille altre questioni : piangevo io, piangeva lei, piangeva mio fratello. 
La giornata è quindi trascorsa tra pianti, grida, insulti e via dicendo.
FANTASTICO.
In teoria sarei dovuta andare a pranzo fuori col mio ex e poi al cinema, ma dato che stavamo litigando in famiglia, il pranzo è saltato. 
Mio fratello se n'è andato di casa dicendo che il motivo per il quale sta sempre fuori è che non riesce a sopportare il clima pessimo che si respira in casa nostra. Per la cronaca, anche lui ha litigato con mia mamma, la quale ha detto espressamente che "si vergogna di lui". NON HO PAROLE.
Insomma, lui è andato non-si-sa-dove e io sono andata al cinema col mio ex.
Durante il film mi è arrivato un sms da parte di mia mamma : sembrava volesse chiarire così, una volta finito il film, sono tornata a casa (piangendo in bus davanti a tutti, che vergogna!).
Peccato che, una volta arrivata a casa, io abbia scoperto che non c'era nessuno. Mio fratello non era riapparso e lei era a spassarsela con suo ragazzo.
Ergo, mi sono abbuffata.
Dopo più di un anno senza digiuni e abbuffate, mi sono abbuffata il giorno di Natale... Sola a casa.
Vabbé, sinceramente non mi pesa molto... Innanzitutto perché sono ancora magra e perché ora che vedo le cose con più lucidità, mi rendo conto che quelle che ho sempre definito abbuffate non sono NIENTE in confronto a quelle di cui leggo qui su Blogger. In più non mi peso da secoli, quindi non mi preoccupo del fattore "peso". 
Quello che mi dà fastidio non è il pensiero di essere aumentata, ma piuttosto il fatto di aver rovinato il giorno dell'anno che più amo e, soprattutto, che anche mio fratello sia stato male e abbia sofferto.

Nel frattempo, mi fratello di 16 anni se ne stava al bar a sbronzarsi da solo.
Io mi sono abbuffata, lui si è ubriacato "per non pensare" (parole sue) e mia mamma se la spassava con suo ragazzo. 
MI SEMBRA GIUSTO.

Spero vivamente che il vostro Natale sia andato meglio del mio (peggio direi che è impossibile ^^ )

Ad ogni modo ora è passato e tutto è tornato alla normalità!

L'unica nota dolente riguarda i miei poveri denti che ultimamente mi fanno malissimo :( Non riesco a masticare niente, è una tortura. 

Auguro a tutte voi di passare un Capodanno stupendo! Spero che il 2014 possa rappresentare per voi la "svolta" che ha rappresentato per me il 2013... 
Grazie a tutte per esserci state nei momenti più difficili. Siete tutte delle grandi donne 
e, se non smettete mai di lottare, riuscirete ad uscire dall'inferno dei DCA.



Vi lascio delle foto post abbuffata -quindi con la pancia super gonfia- : ancora non mi spiego come sia possibile che nonostante io sia ingrassata rispetto a questa estate (e questa estate ero già ben al di sopra del mio peso minimo) io sia ancora così magra o.O In più mi sembra che ci sia una differenza ENORME tra come sono quando ho i vestiti addosso e quando sono nuda :/ E' possibile che con i vestiti io sia pseudo-normale e che da nuda sia così? Non vi dico gli sguardi ad acquagym -.- se solo sapessero quanto ho mangiato in questi giorni ahahah :P
Guardando le foto ho iniziato a riflettere, notando una cosa... Quando ero nel pieno della malattia mi basavo sempre sui numeri. Non importava se allo specchio mi vedevo magra, non importava se nelle foto ero oggettivamente scheletrica : se il numero saliva, ero grassa
Ora mi rendo conto che, nonostante quel numero sia di tipo 10kg in più rispetto ad una volta, sono ancora magra. 
Il numero è solo un cazzo di numero, appunto. 
E' proprio per questo motivo che ritengo inutile pesarmi : cosa mi cambia sapere peso x o y? Rimango sempre e comunque così come mi vedo, a prescindere da quello stupido numero. 
Nel pieno della malattia mi sarei sicuramente pesata il giorno dopo l'abbuffata per "quantitifcare il danno". Che senso avrebbe avuto? Nessuno. 
Non so se dopo essermi abbuffata sono aumentata, probabilmente sì, ma non si vede! In più, anche se si vedesse, non sarebbe certo un dramma. Sono perfino andata ad acquagym la mattina dopo, nonostante la pancia super gonfia... Delle serie "me ne sbatto" :D ahahah
Consiglio a tutte voi di gettare via la bilancia, di smettere di dare così tanta importanza ai numeri... La verità è che quelle oscillazioni che vi sembrano terribili sono sostanzialmente impercettibili, oltre che fisiologiche. 
FREGATEVENE <3